Miele ligure a rischio

“Miele ligure a rischio, fermate la vespa velutina”

La senatrice pd Albano chiede interventi al minisuterod elle polutiche agricole contro l’insetto-killer che distrugge gli alveari

La vespa velutina che mette a rischio gli alveari 

L’ape killer che viene dall’Oriente e distrugge gli alveari delle api da miele, torna a farsi minacciosa. Questa volta, nel mirino ha la Liguria, dove molti agricoltori preoccupati hanno segnalato più incursioni nella zona di Albenga. E, soprattutto, hanno segnalato un rischio: che vada perduta la raccolta del miele. E così è Donatella Albano, Pd, senatrice antimafia eletta in Liguria, a rivolgersi al governo con un’interrogazione urgente al ministro delle Politiche Comunitarie, Nunzia De Girolamo, per sollecitarla a far monitorare le culture e a mettere in pratica «metodi di lotta ecocompatibili per contenere e se possibile annullare la presenza della vespa velutina».  Dunque l’ape killer  torna a colpire e si sistema sempre più in Italia. Dall’oriente se n’era andata quando le altre api erano riuscite a realizzare mezzi efficaci per contrastare questa vespa che, in realtà, è una sorta di calabrone giallo-nero.
In Europa la vespa velutina arriva per caso, nascosta in un carico di vasi per bonsai partito dalla Cina e diretto in Francia. In Francia,

a poco a poco guadagna terreno fino a arrivare al sud e da qui passa in Liguria. E’ il Centro di sperimentazione agricola di Albenga a segnalare la sua presenza la prima volta, nel 2012, quest’anno si diffonde l’allarme, a luglio ci sono altri avvistamenti a Vallecrosia in provincia di Imperia, a Dolceacqua,  nel Basso Piemonte di Vicoforte di Mondovì. Ora l’allarme più generale e richiesta di aiuto della senatrice Albano.

Da “La Repubblica Genova del 28 novembre 2013